Via Calimala 1, Firenze

...dal 1950 la certezza del traguardo!

News

Agg. COVID19 – Esami di Stato (privatisti)

La notte dell’8 aprile è stato pubblicato il tanto atteso Decreto:

www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2020-04-08&atto.codiceRedazionale=20G00042&elenco30giorni=true

dalla lettura si deve supporre che non seguiranno altri decreti ma ogni futura decisione, in virtù del fatidico 18 maggio, sarà esplicata per “Ordinanze”.

Le certezze date dal Ministro sono che l’anno scolastico avrà il suo compimento, la didattica rispetterà i termini previsti e gli studenti potranno comunque sostenere gli esami per qualsiasi ordine e grado: le stesse lezioni on line sono peculiarità affinchè il lavoro didattico a tutti gli effetti si intenda non sospeso; trattasi infatti di didattica in non presenza. Tutti gli studenti frequentanti la scuola Statale/Paritaria si intendono ammessi alla classe successiva non con il “6” politico ma con “giudizio sospeso“. In caso di “giudizio sospeso” insufficiente lo studente con l’inizio del nuovo a.s. dovrà dimostrare di aver colmato le lacune, in difetto potrà essere soggetto a “bocciatura” – in quale modo e con quali strumenti questo accadrà ancora non si sa.

Gli studenti NON frequentanti la scuola Statale/Paritaria devono sostenere gli esami di Idoneità

L’a.s. 20/21 avrà inizio il 1 settembre 2020

Non appena avremo “lumi” da parte del MIUR sarà nostra premura informarVi tempestivamente. Intanto, considerate le notevoli pressioni dettate dai dubbi e dalle incertezze, mi piace condividere sinteticamente alcune analisi frutto di confronti con Dirigenti Scolastici, Associazioni di Categoria, Docenti, Coordinatori Scolastici, ..  in merito agli scenari che potremo avere riferendoci ad una virtuale linea di confine definita e datata 18 maggio 2020 scandita dell’ISS (istituto Superiore di Sanità):

Punto 1) – Se entro tale data i criteri di sicurezza ravvisati dall’ISS permetteranno il rientro in aula

Esami di Stato (privatisti) 
  • le Commissioni saranno le stesse che per gli interni
  • il Presidente sarà esterno, sempre lo stesso 
  • la 1^ prova scritta di italiano nazionale dettata dal MIUR 
  • la 2^ prova scritto/pratica redatta dalla Commissione
  • orale su tutte le materie come sempre salvo diversa decisione da parte del MIUR
  • i privatisti sosterranno le prove di ammissione secondo i calendari dettati da ogni singola scuola.
  • Alternanza Scuola Lavoro sembra che non sia obbligatoria
  • prove invalsi annullate 

Punto 2) – Se entro tale data i criteri di sicurezza ravvisati dall’ISS NON permetteranno il rientro in aula

Esame di Stato (privatisti)
  • privatisti – dovranno sostenere gli esami, a differenza degli interni,  in presenza con relativo esame di ammissione secondo i calendari dettati da ogni singola scuola. Nella sostanza vuol dire che  on line sono ammessi e legalizzati esami e tesi universitaria promozioni a vario titolo, esame di Stato, … – ad eccezione dell’esame di ammissione all’esame di Stato che pertanto potrà essere svolto alla fine della pandemia che nessuno sa quando. 
  • per la prima volta nella storia non svolgeranno gli esami di Stato con tutti gli altri studenti ma in sessione straordinaria agosto/settembre – in pratica viene evocata la “straordinarietà” non perchè lo studente è impossibilitato (ammalato) – come da attuale normativa – ma, per il covid 19, lo studente privatista su disposizione del Ministro viene trattato come infetto (ammalato) e quindi obbligato a sostenere gli esami a settembre. – Considerato che il prossimo a.s. avrà inizio il 1 settembre verosimilmente gli esami di Stato si svolgerebbero nella seconda metà di agosto se per tale periodo si potrà parlare di “termine dell’emergenza epidemiologica”

Per ulteriore chiarezza allego il testo del Decreto di cui all‘art.1 comma 7

 “ I candidati esterni svolgono in presenza gli esami preliminari di cui all’articolo 14, comma 2, del decreto legislativo  n. 62 del 2017 al termine dell’emergenza epidemiologica e sostengono l’esame di Stato conclusivo del secondo ciclo nel  corso della sessione straordinaria di cui all’articolo 17, comma 11, del citato decreto legislativo. La configurazione dell’esame di Stato  per i candidati esterni corrisponde a quella prevista per i candidati interni dalle ordinanze di cui al comma 1. 

Russi dott. Michele
dir. Istituto Biancaspina

Vicepresidente Nazionale FILINS con sede a Firenze

Federazione Italiana Licei e Istituti non Statali